Sindaci e FIAB insieme per promuovere la mobilità ciclabile. Firmato da Tursi, Ricci, Casciano e il protocollo ALI-FIAB per promuovere l’uso della bici

 

Scambiarsi dati di comune interesse e informazioni sulle migliori pratiche nazionali e internazionali per la promozione e lo sviluppo della mobilità ciclistica, condurre indagini, ricerche e pubblicizzare la collaborazione con i media e tra i rispettivi associati. Prende forma l’alleanza per la transizione ecologica tra FIAB e ALI Legautonomie con il Protocollo di collaborazione per la mobilità ciclistica. Il documento è stato firmato oggi dal Presidente di ALI Matteo Ricci da Francesco Casciano Sindaco della Bici, primo cittadino di Collegno e Alessandro Tursi presidente FIAB nazionale.

Il presidente ALI Matteo Ricci: «Abbiamo di fronte un’occasione storica. Con il Recovery Plan possiamo cambiare il nostro modo di spostarci: i comuni virtuosi, i sindaci che già si impegnano con grandi risultati, le associazioni come FIAB sono il contributo di partenza per compiere la scelta urgente tra città inquinate e congestionate dal traffico oppure città vive, in salute e libere».

Il presidente FIAB Alessandro Tursi: «Sulla base della nostra iniziativa di “ComuniCiclabili” abbiamo costruito con gli enti locali una rete di esperienze che costituisce un punto di riferimento  per le azioni concrete di promozione della bici come mezzo per spostarsi nel quotidiano».

L’iniziativa riconosce reciproco vantaggio nella collaborazione e nella condivisione di dati, metodi e indicatori, per studiare e monitorare al meglio la mobilità ciclistica e il turismo in bicicletta, con particolare riferimento alle politiche urbane e di pianificazione territoriale.

Il Sindaco della Bici Francesco Casciano: «Siamo pronti a condividere le migliori pratiche a livello nazionale e internazionale che offrono le soluzioni per costruire e rinnovare le nostre reti ciclabili. La collaborazione tra FIAB e i comuni costituisce un modello con cui impostare organicamente le scelte di governo dei territori dal livello locale a quello nazionale».

PROTOCOLLO FIAB-ALI-9.2.2021

Precedente

Centri di raccolta dei rifiuti: nuove istruzioni del Ministero dell’Ambiente per Regioni e Comuni

Successivo

Auto a bassa emissione di CO2: gli incentivi nella Legge di Bilancio